Pensavo fosse giusto essere amici dei miei terapeuti

L

Dei sette terapisti con cui ho lavorato nel corso degli anni, mi considero amico di almeno uno di loro. Ci siamo incontrati a un evento al di fuori delle nostre sessioni, ci siamo abbracciati, scherzato e parlato delle nostre vite. A quel tempo era ancora la mia terapista.



come fare il test per add

Quando ha spostato la sua pratica, costringendoci a chiudere il nostro rapporto professionale, abbiamo deciso di tenere il passo. Ho promesso di aggiornarla sulla mia carriera e di invitarla al mio matrimonio. Siamo diventati amici di Facebook per rendere più facile rimanere in contatto.

Non sono sicuro che mi consideri un amico e non lo chiederò (sarebbe incredibilmente e inutilmente imbarazzante). Tuttavia, penso che siamo amici. Sono anche amico di Facebook con il mio attuale terapista.





Fino a poco tempo non sapevo ci fosse qualcosa di controverso su questi aspetti delle mie relazioni terapeutiche. Sapevo che essere amico dei tuoi terapisti poteva comportare rischi come perdere l'obiettività, ma ho pensato che fosse solo per le amicizie strette. Essere amici di Facebook e vederci ogni tanto mi sembrava benevolo.

Poi ho contattato vari terapisti e, in preparazione per scrivere questo articolo, li ho intervistati sulla questione dell'amicizia tra clienti e terapisti. La risposta è stata unanime e chiara: non è etico o almeno non è una buona idea che clienti e terapisti siano amici in qualsiasi modo, incluso Facebook. Includevano anche amicizie sviluppatesi prima o dopo la fine del trattamento.



Amicizie cliente-terapeuta può essere immorale , secondo i codici etici di molti organismi che governano i terapisti, inclusa l'American Psychological Association [APA]. Diventando amico di un cliente, un terapista può rischiare un'azione disciplinare da parte degli organi di governo o perdere la licenza. Questo di solito accade solo se l'amicizia si guasta e il cliente segnala il terapeuta per dispetto.

Ho pensato che questi atteggiamenti e codici etici fossero un po 'dogmatici. Non hanno tenuto conto del fatto che la natura di un'amicizia varia tra le persone. Io, ad esempio, sono amico di alcuni miei colleghi. Poiché siamo maturi e professionali, l'amicizia non influisce sul nostro rapporto di lavoro.

Conosco anche molte persone che sono amiche dei loro ex terapisti e non hanno subito conseguenze negative. Persino famosi psicoterapeuti - persone che penseresti sarebbero il modello di etica - sono stati amici dei loro clienti. Carl Rogers, il padre della terapia centrata sul cliente, divenne amico della sua cliente, Gloria, dopo averla inclusa in un documentario sugli approcci alla psicoterapia.

come rilasciare ossitocina in un uomo

Dato il numero apparentemente elevato di amicizie innocue tra psicoterapeuti e clienti, ho pensato che fosse irragionevole per la comunità terapeutica etichettare tutte come tabù. Presumevo che una minoranza di persone immature con limiti scarsi fossero i catalizzatori dell'etica contro le amicizie cliente-terapeuta. Lo avevano rovinato per le persone che erano in grado di avere amicizie che non interferivano con il trattamento.

D'altra parte, ho capito perché c'era una forte opposizione al fatto che i clienti, anche ex clienti, e i terapeuti fossero amici. Essere amici di un terapista rischia di contaminare l'obiettività per cui i clienti stanno pagando. L'amicizia potrebbe anche causare nuovi problemi che influenzano la terapia, soprattutto se è il tipo di amicizia in cui le persone trascorrono molto tempo insieme.

quanto tempo impiega zyprexa a funzionare?

Ci sono anche buone ragioni per scoraggiare i clienti dall'essere amici di Facebook con i loro terapisti.

'E se un cliente che ha difficoltà finanziarie vede il terapeuta si è preso una bella vacanza e si sente invidioso o risentito?' disse terapista Jill Whitney , elencando uno dei tanti possibili scenari negativi che potrebbero verificarsi se un cliente e un terapeuta sono amici su Facebook. 'E se il cugino o l'amico del terapeuta pubblicasse qualcosa di politico o di cattivo colore e il cliente se ne arrabbiasse?'

Dopo aver esaminato gli argomenti sostenuti da terapisti come Whitney, mi sono reso conto che non era la decisione migliore per me diventare amico - o almeno amico di Facebook - con i miei terapisti. Era arrogante da parte mia presumere di avere un grande controllo dei miei pensieri ed emozioni al punto da poter negare i rischi.

Penso ancora che la comunità terapeutica faccia sembrare le amicizie cliente-terapeuta un affare molto più grande di quanto non siano. Tuttavia, dovresti considerare i rischi che comportano.