La conversazione sulla salute mentale è cambiata in meglio nell'ultimo decennio

conversazione sulla salute mentale in questo decennio

Dalle celebrità che si sono aperte pubblicamente sulle loro lotte con la malattia mentale, incluso Lady Gaga e Michael Phelps , all'aumento delle conversazioni popolari sui social media sulla cura di sé, la salute mentale è stata una delle più grandi discussioni degli anni 2010. 'L'ultimo decennio ha portato a un dialogo più aperto e meno stigmatizzante sulla salute mentale e la malattia', afferma Jill Daino, LCSW, terapista di Talkspace.



I sondaggi rivelano un cambiamento di paradigma negli atteggiamenti pubblici nei confronti della malattia mentale. In un sondaggio del 2019 dell'American Psychological Association, L'87% degli americani era d'accordo che avere una malattia mentale non è nulla di cui vergognarsi. Allo stesso tempo, lo stigma rimane, con il 33% degli americani che continua a riferire che 'le persone con disturbi di salute mentale mi spaventano'.

Una maggiore consapevolezza è stata, ironicamente, accompagnata da un aumento del disagio mentale: nel 2011, il 50% degli studenti universitari ha riferito di 'ansia opprimente'; entro il 2016, ben il 65% ha riferito lo stesso . Allo stesso tempo, gli esperti dicono che questo aumento può essere in parte il risultato di campagne educative di successo, che hanno dato ai giovani una maggiore capacità di riconoscere i segni dell'angoscia mentale e cercare aiuto .





Ma con il pregiudizio ancora presente, e problemi come l'ansia in aumento tra i giovani, fino a che punto siamo arrivati ​​come società nel destigmatizzare la malattia mentale? Le discussioni sui social media sulla cura di sé producono davvero un cambiamento duraturo? 'Come ogni cambiamento sociale significativo, richiede tempo e passa attraverso fasi, dall'essere un argomento scottante e degno di nota a prendere davvero piede a un livello più profondo e significativo', afferma Daino.

All'alba del 2020, diamo un'occhiata ai progressi che abbiamo compiuto verso questo cambiamento più profondo e significativo e decidiamo di far avanzare ulteriormente la conversazione nel prossimo decennio.



Le persone con malattie mentali devono ancora affrontare delle sfide

Mentre gli atteggiamenti verso la malattia mentale sono diventati più aperti negli ultimi dieci anni, lo stigma rimane. E anche quando le persone si mettono in contatto, la mancanza di accesso a trattamenti economici e culturalmente sensibili rimane una grande sfida.

Lo stigma impedisce alle persone di cercare cure

Dalle credenze medievali che le persone con malattie mentali erano possedute , ai miti contemporanei che lo sostengono la depressione è solo una questione di 'atteggiamento', lo stigma sulla malattia mentale è profondo. Mentre il 50% delle persone sperimenterà una grave malattia mentale a un certo punto della loro vita , la vergogna rende difficile per molti di noi raggiungere.

Lo stigma può avere un impatto così forte, uno studio del 2010 ha scoperto che era il motivo più comune per le persone in trattamento per malattie mentali non hanno seguito i loro regimi terapeutici .

C'è una grave mancanza di risorse per il trattamento

Lo stigma è aggravato dalla mancanza di risorse e istruzione. Secondo l'Organizzazione mondiale della sanità, fino al 50% delle persone con malattie mentali gravi nei paesi sviluppati e l'85% delle persone con malattie mentali significative nei paesi sottosviluppati, non hanno ricevuto un trattamento adeguato .

come si diventa narcisisti?

Ciò è esacerbato da un sistema che in gran parte ignora la salute mentale o la considera meno importante della salute fisica. Sebbene tendiamo a pensare allo stigma come a convinzioni e atteggiamenti negativi nelle nostre comunità, può anche estendersi al sistema sanitario stesso, presentando barriere come assicurazione limitata copertura per l'assistenza sanitaria mentale e accesso limitato alla terapia nelle comunità rurali oa basso reddito.

Il pubblico sta diventando più consapevole

Sebbene permangano barriere sostanziali, lo scorso decennio è stato testimone di una diffusa conversazione sulla salute mentale. Le persone, in particolare i giovani, hanno utilizzato i social media per connettersi e costruire potere e le conversazioni sulla cura di sé hanno incoraggiato molte persone a fare passi positivi per la loro salute mentale, prima che i problemi si manifestino.

I social media possono aiutare

Ne sentiamo spesso parlare social media utilizzare in una luce negativa. In effetti, negli ultimi due anni, sono emersi studi preoccupanti che affermano che i giovani con una maggiore esposizione ai social media sono a più alto rischio di depressione e ansia.

Ricerche più recenti, tuttavia, hanno scoperto che il rischio non è nella quantità di tempo che i giovani trascorrono online - è dentroCometrascorrono del tempo online . Gli adolescenti che si impegnano più attivamente nei social media piuttosto che scorrere passivamente, dormono a sufficienza e condividono un tono positivo hanno risultati migliori rispetto agli adolescenti che si impegnano in un uso negativo e passivo dei social media.

Questa è una buona notizia per la salute mentale, perché anche i social media hanno avuto un effetto rivoluzionario: consentono alle persone della comunità dei disabili, che potrebbero non essere state in grado di trovarsi in precedenza, di creare connessioni.

l'ipnosi può aiutare con l'ansia?

'[Con] l'esplosione dei social media e l'aumento dell'istruzione, della consapevolezza e dell'apertura è stato più facile per le persone discutere e normalizzare le proprie esperienze sulla salute mentale e la malattia', afferma Daino. 'Questo a sua volta ha portato le persone ad accedere più prontamente alle informazioni e al supporto'.

Come la maggior parte delle forme di progresso sociale, questo cambiamento è particolarmente evidente tra i giovani. 'Penso che le generazioni più giovani stiano accettando sempre di più in una vasta gamma di comunità la divulgazione sulla malattia mentale e la visita di un terapista', dice Daino.

Vedere un terapista si sta normalizzando

Una conseguenza positiva di questo aumento delle conversazioni sulla salute mentale è che, secondo Daino, più dei suoi clienti vedono la terapia come un mezzo per aumentare il loro benessere generale, piuttosto che come qualcosa a cui rivolgersi in una crisi.

'Ho scoperto che molti clienti vengono in terapia dopo aver fatto alcune ricerche prima di cercare un trattamento', dice Daino. 'Alcuni cercano supporto intorno a ciò che stanno vivendo, altri cercano informazioni o una soluzione prima di cercare un terapista.' Suggerisce che l'istruzione superiore e la consulenza professionale possono aiutare le persone a setacciare informazioni online affidabili rispetto a quelle potenzialmente inaffidabili o dannose.

Daino dice di aver visto anche un aumento delle persone che prendono l'iniziativa di cercare un terapista come parte di un piano per il benessere generale. 'Non è solo visto come qualcosa che le persone che stanno lottando devono fare, è anche visto come qualcosa da fare per la propria crescita personale e il proprio benessere', dice.

La strada davanti

Campagne di salute pubblica, maggiore convenienza e condivisione peer-to-peer possono contribuire a rendere la sanità mentale argomento di conversazione ancora più accessibile nel decennio a venire.

Abbiamo già prove che alcuni approcci, come le campagne sui social media, funzionano. In California, ad esempio, i ricercatori hanno scoperto che una campagna di marketing sociale che incoraggiava le persone a raggiungere un aiuto per la salute mentale aumentava la probabilità che i membri della comunità cercassero cure dal 49% al 57%.

Nel frattempo, c'è stata una spinta per insegnare la salute mentale nelle scuole pubbliche, con due stati, New York e Virginia, ora richiedono questi corsi .

Al di là delle campagne pubbliche su vasta scala, Daino sottolinea che le persone in posizioni di leadership della comunità fanno parte della soluzione. 'Ci sono anche ruoli per altre persone chiave nella nostra società come insegnanti, leader religiosi, professionisti medici non psichiatrici, che possono essere un punto di contatto a cui le persone si rivolgono per avere una guida', dice Daino. 'Ad esempio, nell'educazione della prima infanzia si inizia parlando di sentimenti e con gli studenti più grandi che parlano di stress, ansia, depressione'.

La diversità conta

Al fine di destigmatizzare veramente la malattia mentale, i sostenitori sottolineano l'importanza di adattare il raggio d'azione alle esigenze specifiche delle comunità. 'Lavoro con una varietà di clienti provenienti da diversi background culturali che hanno famiglie in cui alcuni membri hanno ancora difficoltà ad accettare i fornitori di cure', dice Daino.

Anche se vedere un terapista può essere normale, diciamo, per un ricco newyorkese, può essere un'esperienza più stigmatizzante per una persona rurale, qualcuno con un background a basso reddito o qualcuno di un gruppo tradizionalmente escluso dagli istituti psichiatrici, come i neri americani . Nel frattempo, gli stereotipi culturali, come la mascolinità tossica e transfobia, can impedire alle persone di cercare aiuto basato sul genere o sulla sessualità.

perché sono così paranoico?

Per contrastare questo problema, le campagne di salute pubblica sono sempre più focalizzate sull'accesso per le comunità svantaggiate. Campagne rivolte a gruppi che potrebbero avere difficoltà a raggiungere o le cui preoccupazioni potrebbero essere fraintese, come afroamericani e uomini , può offrire un aiuto rilevante per le vite e le lotte uniche delle comunità.

Come puoi aiutare

In un'epoca in cui i social media ci bombarda costantemente con notizie sul problemadella giornata, può sembrare che la tua voce sia solo una goccia nell'oceano. Ma la verità è che ogni gocciafacontare e ogni persona che condivide la propria esperienza, se online o in una conversazione personale con un amico - apre la strada a una società più aperta.

'Più siamo in grado di educare, supportare e normalizzare i problemi di salute mentale, più facile diventa per un individuo cercare aiuto e non soffrire da solo', dice Daino.